Oggi è San Valentino e io festeggio l’amore incondizionato

Oggi è San Valentino e io voglio dichiarare il mio amore a Lippo il mio inseparabile pelosetto che da 10 anni condivide tutto con me.

Alzi la mano chi non ha accanto a se un pelosetto tirabaci da coccolare?

Il mio amore si chiama Lippo mi ha adottato 10 anni fa, quando sono entrata nel gattile di Cesena con la certezza che non sarei uscita da quel posto senza un miciotto.

Ho sempre desiderato un cane, appassionata di jogging l’ho sempre visto come il compagno ideale per le mie corse mattutine invece il caso o il destino ha deciso il contrario, chi mi doveva venire incontro al rientro a casa non era la coda scodinzolante di un cane ma bensì l’ inchino di un gatto.

Sei mesi prima mi ero trasferita nella nuova casa e un mio caro amico qualche giorno dopo venedomi a trovare mi ha portato un dono beneaugurante.

Una scatola di cartone da dove provenivano strani rumori di zampette indaffarate.

Ovviamente mi aspettavo un cucciolo di cane e invece con mia grandissima sorpresa guando ho aperto la scatola ho trovato qualcosa di diverso, qualcosa a cui la mia mente non aveva mai posato nessun pensiero.

Una piccola micetta tutta grigia con una macchiolina bianca alla base del collo

mi guardava con occhi stupiti più dei miei.

Il mio amico era molto divertito dalle reazioni sia mia che della micia ma con tono pacato mi disse che la compagnia di un gatto in casa e la sua presenza silenziosa ed educata sarebbe stata la cosa migliore per me in quel momento di grande cambiamento.

E chi meglio di lui che lavora con gli animali e conosce bene gli uomini poteva prevedere meglio quale verità fosse questo incontro?

Così incominciò una grande amicizia tra Nuvola e me.

Non che sia stato amore a prima vista perchè Nuvola i primi giorni era spaesata e anche un po’ intimorita dal nuovo ambiente e stava sempre nascosta da qualche parte mentre io non avendo avuto mai un animale non sapevo bene cosa fare, come agire, come comportarmi a fronte di un atteggiamento così “misterioso”.

Ma i giorni passarono lei si abituò alla mia presenza e io alla sua, incominciò così la nostra conoscenza e la nostra amicizia.

Quando tornavo a casa dal lavoro c’era lei dietro alla porta ad aspettarmi, c’era lei che si divertiva a giocare con i miei gomitoli di cotone, e sempre lei che mentre facevo la doccia cercaca di prendere le goccioline d’acqua che scendevano dal vetro.

Era davvero una grande compagna di viaggio anche se a correre andavo da sola ero certa che al rientro aprendo la porta lei era lì a darmi il benvenuto.

Poi come tutte le belle storie purtroppo c’è stata una fine.

Io non so se è stato un dispetto o semplicemente il caso ma un giorno di novembre con il sole caldo da farmi stare a maniche corte a raccogliere l’ultima goccia di abbronzatura la guardavo saltellare ricorrendo le sue palline preferite in giardino, quando per un motivo banale sono rientrata in casa lasciando la porta aperta certa che mi avrebbe seguito.

Tempo 20 minuti e la mia Nuvola in giardino non c’era più, non mi aveva seguito.

Finisce qua la storia di Nuvola che porterò sempre nel cuore ma inizia quella di Lippo perchè di quella presenza educata e silenziosa a cui la mia pelosetta mi aveva abituata non potevo più farne a meno.

Il 12 novembre 2007 mi recai al gattile di Cesena

Nel mia mente c’era Nuvola e volevo un gatto come lei tutto grigio con una macchia bianca, mi guardavo attorno cercavo lei in tutte le gabbiette dove tenevano i gatti appena trovati e che avevano bisogni di cure.

Erano lì davanti a me uno più bello dell’altro dai colori più diversi, dal pelo lungo, dal pelo corto ma tutti con la stessa richiesta negli occhi, amore.

Un piccolo gesto di amore come una carezza che dona la sicurezza di essere qua, in questo mondo per qualcosa di diverso di una gabbia, una piccola coccola che rende più felice chi la fa che chi la riceve, li avrei presi tutti.Nuvola alla finestra

Passavo davanti le gabbie in cerca di amore, confusa dal miagolio ininterroto come un pianto che mi entrava nelle orecchie.

Nuvola non c’era.

Dovevo scegliere o semplicemente andarmene e cercare altrove.

Ad un certo punto la signora del gattile che faceva da cicerone portandomi da una stanza di gabbie all’altra mi disse che quella mattina avevano abbandonato davanti al portone un piccolissimo gatto ancora in fase di svezzamento, tigrato sul grigio e mi condusse in un’altra stanzetta dalla luce soffusa con 3 forse 4 gabbie.

Lui era lì, dentro a una gabbia grande, era grande il doppio di tutte quelle che avevo visto fino a quel momento, troppo grande per un micetto così piccolo e mi sono sempre chiesta il perchè ma in quel momento non avevo tempo di pensare alla grandezza della gabbia.

La signora Gabriella prese il micio e me lo mise in mano, sentii il suo calore invadere la mano in quel preciso momento capii che era il micio giusto per me!

Sulla gabbietta c’era scritto un nome FILIPPO da cui Lippo.

Sono passati 10 anni da quell’incotro e sono stati 10 anni di avventure e grande amore

Quando rientro a casa lui è alla porta che mi aspetta e mi riceve con un grande inchino come se fossi una regina, striracchiandosi il più possibile per prepararsi alle nuove avventure del giorno.

Oggi è San Valentino la festa degli innamorati o comunque di chi si vuole bene, e chi meglio di un pelosetto che silenziosamente dona il suo affetto senza mai chiedere nulla in cambio, senza alcuna aspettiva, senza calcoli o compromessi merita di esser festeggiato?

Io lo festeggio e me lo coccolo il mio Lippo e oggi per lui ho acquistato qualcosa di speciale, di prezioso da inserire nel collare, un gioiello che sancisce la nostra profonda amicizia.

Dodo è uscita con una collezione, MY TRUE, di charms in oro rosa 

con dettagli in smalto che rappresentano il musetto del nostro amico a quattrro zampe e acquistandone uno ne arriva una seconda piastrina più grande in acciaio da inserire nel collare.

 

Lippo ovviamente non fa caso a queste cose forse per lui era meglio ricevere una pallina colorata ma io il ciondolo l’ho già portato a far incidere il mio nome e il numero di telefono perchè non si sa mai

 

( tempo fa si è perso ) e non vedo l’ora che sia pronto per farglielo indossare.

Se anche tu hai un amore a quattro zampette a cui tieni molto proteggilo con un ciondolino speciale, in modo che se si perde e qualcuno lo trova sa a chi telefonare e contattare.

Un abbraccio Miss Chic 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.